• Home
  • La nostra filosofia

La nostra filosofia

 

 

logo master

 

Il Punto Zero comunemente indica il punto d’origine.

Per Kierkegaard rappresentava l’indecisione permanente, per Perls l’indifferenza creativa, per noi lo stato primordiale. Qualcosa che richiama la perfezione in sè  perchè  è perfetto  fin dall’inizio, perché in sè è generativo e performativo.

Sappiamo che il termine "realizzazione", significa "far diventare reale", cioè attuare; non si tratta quindi di una "invenzione" ma piuttosto di riconoscere qualcosa che già esiste, una condizione che è in potenza.

La nostra finalità essenziale è quindi quella di sperimentare e realizzare delle nascite, interne ed esterne, individuali e sociali, nelle loro forme più semplici, per scoprire le verità e le bellezze in esse contenute, iniziando ognuno dal proprio punto di partenza, dal proprio Punto Zero.


Il Novecento, con le sue aberrazioni ci ha mostrato in tutta la sua evidenza quali siano le potenzialità distruttive dell'uomo. Lo ha fatto in termini oggettivi con guerre, genocidi, totalitarismi, ma anche attraverso connotazioni più sottili come l'aumento di alcune malattie, nuove forme di dipendenza, forme mediatiche di controllo, etc…

Dopo aver visto tutto ciò e con la stessa "fame" ardente nel cervello e nella coscienza che da sempre hanno avuto, ed hanno, i Grandi dell’umanità, è inevitabile per noi guardare alle speranze e alle mete più degne dell'uomo attuale.

Più coraggiosi di quanto non sia ragionevole esserlo, spesso naufragati nei flutti della Storia, ci sentiamo ancora pericolosamente sani.

Scorgiamo dinanzi a noi ancora altra inesplorata terra , terra di cose misteriose, temibili e divine. 

Nel nuovo millennio l’umanità è entrata, o potrebbe entrare, in un nuovo ciclo evolutivo?

E’ la domanda fondamentale che noi di PointZero ci poniamo.

Con l'unico intento di riverberare nel microcosmo delle nostre azioni le onde generate dalla stessa domanda.

PointZero potrebbe così rappresentare, iniziando ognuno dal proprio punto di partenza, la nascita di nuove capacità individuali, lo sviluppo di ulteriori  forme di capienza e di coscienza, di allargamento del sentire.

È un partire per andare altrove, sintonizzandosi su nuove, e contemporaneamente arcaiche, frequenze di pensiero.

Filosoficamente possiamo quindi dire che PointZero è quel luogo, vivo dentro ognuno di noi, ad altissimo potenziale generativo, dove la morte di ciò che è stato genera sempre l'esplosione di un divenire possibile.

PointZero è semplicemente uno spazio vuoto che va ancora popolato.